martedì 23 giugno 2015

ESTRATTO DA "COME PETALI SULLA NEVE"


"Il signor Thornfield si alzò a sua volta e mi si avvicinò, mi pose una mano sulla spalla e lentamente mi face voltare verso di sé. Gli occhi buoni di quell’uomo parlavano con tutta la loro sapienza e ancora prima che uscissero le parole dalle sue sottili labbra, mi sentii come quando freddi e intirizziti si trova improvvisamente una fonte di calore presso la quale trovare sollievo. 
«Non sta a me dirti quello che devi fare. Non proverò nemmeno a farti stare meglio, ma una cosa voglio dirtela Philip: un giorno quelle pagine avranno un seguito, ne sono certo. Finirai di scrivere la tua storia perché quelli come te non ne possono fare a meno. Considera questo stop una sorta di blocco dello scrittore, non può durare per sempre. Quando avrai le tue risposte dalla vita, sia che tu abbia smesso di cercarle o meno, tornerai a raccontarti. Succede sempre così.»" 

Le proposte di LibriAmo

Le mie proposte di lettura sul giornalino "Fuori dalla rete" 
uscito Domenica 21 Giugno 2015

Tema: Cucina
Cliccare sull'immagine per ingrandire

lunedì 22 giugno 2015

Suite francese

Suite francese è un’opera letteraria incentrata su due movimenti, come nella musica classica, ma che nelle intenzioni dell’autrice doveva consistere di ben cinque stanze. L’opera - rimasta incompiuta a causa della deportazione della Némirovsky ad Auschwitz, dove morì il 19 agosto del 1942, è stata pubblicata per la prima volta nel 2004 grazie a una delle sue figlie -  si compone di sole due parti: Tempesta di giugno e Dolce.
Irene Nèmirovsky
Nella prima parte l’autrice descrive attraverso una carrellata di personaggi tutti diversissimi tra loro, quello che fu l’esodo dei parigini durante l’occupazione nazista del 1940. In essa si alternano protagonisti come I Péricand, famiglia benestante con molti figli che tra perdite e ritrovamenti, riesce a tornare sana e salva agli agi della propria vita domestica; lo scrittore Gabriel Corte che con la sua amante dovrà mischiarsi, trascinando con sé anche i suoi preziosi manoscritti, alla plebaglia in fuga e sopravvivere ai bombardamenti e al sudiciume che cambieranno almeno all’apparenza la sua prospettiva di vita; i Michaud, una coppia di modesti impiegati il cui figlio è arruolato e di cui non hanno più notizie; Charles Langelet, un ricco scapolo sessantenne che vorrebbe salvare la sua collezione di porcellane più della propria pelle.
Attraverso questa rosa di personaggi, la Némorovsky ci mostra la confusione della fuga in quei giorni di panico e l’attaccamento delle persone non soltanto alle proprie abitudini, ma anche agli oggetti stessi della propria quotidianità.
Giunti a “Dolce”, la seconda e conclusiva parte, il lettore può immergersi in una lettura che perde la frenesia della fuga, ma che si adagia in una strana quiete dove serpeggia la tensione dovuta alla convivenza tra l’esercito tedesco occupante e  i francesi vinti. Questa seconda parte è ambientata in una piccola città della campagna della francese, a Bussy, nei primi mesi dell’occupazione tedesca. Qui le protagoniste sono la vedova Angellier e la nuora Lucile, che come tutte devono ospitare un tedesco in casa loro e nello specifico l’ufficiale Bruno von Falk. Nasce una tenerezza tra l’uomo e la giovane donna tiranneggiata dalla suocera che l’accusa di non amare il marito prigioniero in Germania. In questo paesino alle porte di Parigi ritroviamo anche Madeleine, una ragazza che in Tempesta di giugno aveva curato Jean- Marie, il figlio soldato dei Michaud, allora gravemente ferito. Madeleine è una contadina che ha sposato Beinot, un francese rozzo che ben presto si metterà nei guai a causa della gelosia verso Kurt Bonnet, il giovane ufficiale tedesco che vive a casa sua e che corteggia la moglie. 
È bello notare come, per donne come Lucile, i tedeschi a un certo punto smettano di apparire come i cattivi invasori, come il nemico, ed esse riescano a scorgere in loro niente più che il ragazzo e l’uomo sotto la divisa.
Lo stile della Némirovsky è leggero e curato; indugia su alcune descrizioni paesaggistiche e dei vari caratteri senza però essere pesante. L’opera è incompiuta, le emozioni non sono fortissime sebbene si legga con una certa rapidità. Per il lettore romantico potrebbe rappresentare una delusione dato che l’amore non è il centro di questo romanzo, l’autrice lo sfiora ma non lo coglie.
Nel complesso ho trovato Suite francese interessante per gli eventi storici narrati e vissuti dall’autrice stessa, come se fosse una sorta di diario camuffato da romanzo, ma non ho riscontrato quel di più che poteva fargli avere un posto di riguardo nelle mie preferenze letterarie. 

Antonella Iuliano


giovedì 18 giugno 2015

Come petali sulla neve su Goodreads


Cari lettori, vi comunico che il mio romanzo da oggi è anche su Goodreads, il social dei libri. 
In attesa delle vostre recensioni, se vorrete, vi auguro buona lettura!



mercoledì 17 giugno 2015

Un buon libro non finisce mai: Recensione: Come petali sulla neve di Antonella Iuliano

Un buon libro non finisce mai: Recensione: Come petali sulla neve di Antonella Iuliano:
Come petali sulla neve è il secondo libro che leggo dell'autrice e ancora una volta ne sono rimasta piacevolmente colpita.
E' difficile trovare negli ultimi anni un libro dallo stile classico e che trasmetta l'amore per la letteratura, come questo. Antonella Iuliano è riuscita a raccontare una storia struggente, emozionante ma senza cadere mai nel banale o nel ridicolo. Mantenendo sempre una linea di credibilità che fa apprezzare al lettore ciò che sta leggendo.
La storia si alterna tra speranza e delusione, tra felicità ed angoscia. Quella raccontata da Antonella è una storia piena di sentimenti, come già detto, che verranno riversati sul lettore, che volente o meno si ritrova a provare quelle stesse emozioni, provate dai protagonisti.
Ancora il lettore, proprio per la sua sentita partecipazione, sente il bisogno di scoprire la verità. Verità che solo all'ultimo verrà svelata, con un grande colpo di scena, impensabile prima di quelle ultime pagine.
I protagonisti vengono presentati a 360°, soprattutto Philip il protagonista principale e narratore, da cui parte tutta la storia. Raccontata sotto forma di autobiografia.
Pagina dopo pagina il lettore si addentra nel mondo della storia e vinto dalla curiosità, non riuscirà a staccarsi fino a quando non sarà arrivato, ahimè, alla fine.
Nulla in questo libro è lasciato al caso, tutto è minuziosamente studiato. Anche il titolo ha un suo perché (che ovviamente non vi svelerò).
Credo che l'autrice abbia speso molto tempo nello studio di uno stile così ricercato, ma allo stesso tempo leggero. Troverete al suo interno molte frasi davvero belle e significative.
La lettura scorre veloce e si riesce a leggere il libro in pochi giorni.
Anche il libro precedentemente letto dell'autrice, aveva lo stesso stile, quindi penso che Antonella abbia una bravura non più diffusa, purtroppo, tra gli autori “di oggi”. Proprio per questo vi consiglio vivamente di leggere i suoi libri, perché credo che possiate davvero apprezzare il suo modo di scrivere e le sue storie.

martedì 16 giugno 2015

Presentazione 'Come petali sulla neve" su "I'm not Valentine".

Grazie per la segnalazione.

ESTRATTO DA "COME PETALI SULLA NEVE"

"«Mi sono posto più domande di quante possa confessare. Perché qualcosa non mi è stato detto, suppongo, e teme di farlo adesso. Teme di perdermi per sempre. È la risposta più ovvia» ammise con calma, «è l’unica che riesco a darmi. L’unica che possa avere un qualche senso. Poi c’è la storia di quella fotografia che prima è appartenuta a te e che poi mio padre mi ha fatto avere, facendomi promettere che la mamma non doveva mai venire a saperlo, non doveva vederla, perché per lei sarebbe stato un enorme dispiacere... così mi disse quando me la portò. Io non gli ho mai chiesto il perché. Adesso però viene fuori questo diario, queste poesie di cui lei era tanto gelosa. Spunta fuori una sorella, di cui nessuno mi ha mai parlato prima. La mia testa mi dice che mi hanno mentito, anche se mi sforzo invano di credere che possa esserci un’altra spiegazione, ma davvero non so quale» s’interruppe coprendosi gli occhi con una mano, i gomiti sulle ginocchia."
- FOTO PRELEVATE DA WEB. COMPOSIZIONE DI GENESIS PUBLISHING -



lunedì 15 giugno 2015

Antologia Bronteana vol. IV - 2015

Cari lettori, 
vi presento l'antologia Bronteana vol. IV che raccoglie le 30 opere selezionate per la recente edizione del Premio 'De Leo - Bronte' (Maggio 2015). 
Il mio racconto "Il profumo della brughiera" si è classificato al terzo posto nella sezione Racconti. 



domenica 14 giugno 2015

All’hotel Stancliffe e altri racconti giovanili

Era il settembre del 2014 quando comprai e lessi con intensa curiosità due libricini intitolati Henry Hastings e Il segreto (la recensione Qui), entrambi juvenilia appartenenti al ciclo di Angria che una giovanissima Charlotte Brontë scrisse, talvolta da sola, talvolta a quattro mani con il fratello Branwell, prima dei romanzi che l’hanno resa celebre.  Rimasi favorevolmente impressionata da questi germogli di scrittura da cui in seguito sono fiorite le più rigogliose storie note al pubblico. La prima cosa che pensai fu:  “Possibile mai che in italiano ci siano soltanto questi due racconti? In inglese sono certamente di più.” Dopo questa riflessione feci ciò che oggi è comune fare quando qualcosa ti appassiona, andai su Google e per logica digitai il nome della traduttrice: prof.ssa Maddalena De Leo. Dopo un’accurata ricerca sono risalita all’email della professoressa e da quel momento ho avuto la fortuna e il piacere di avere degli scambi con l’illustre studiosa e rappresentante italiana della Brontë Society da ben quarant’anni. È stato grazie a lei che ho potuto leggere altri juvenilia di Charlotte Brontë: ben sei racconti presenti nella raccolta intitolata “All’hotel Stancliffe e altri racconti giovanili”, curata e tradotta interamente dalla De Leo ed edita da Ripostes (2004).

In copertina 'The Disconsolate' acquerello di C.Brontë, 1830
I racconti che ne fanno parte sono: Albione e Marina, Le nozze, Alta società, Il ritorno di Zamorna, Mina Laury e All’hotel Stancliffe
Il primo, Albione e Marina, che ho trovato molto delicato e poetico, Charlotte lo scrisse a soli quattordici anni e in quattro ore, ed è il racconto di apertura dell’intero ciclo di Angria oltre che la prima storia d’amore che la più grande delle sorelle Brontë abbia scritto. 
L’ultimo, All’hotel Stancliffe, è stato composto da Charlotte quando era una ventitreenne, quindi quasi un decennio dopo. L’originale si compone di 34 pagine scritte con caratteri minuscoli decifrabili solo con una lente d’ingrandimento; conservato al museo di Haworth, è apparso per intero sul ‘Times’ solo nel 2003. 

Ciò che colpisce maggiormente di questi scritti sono le descrizioni dei luoghi: Charlotte descrive i paesaggi con minuzia di particolari, come se avesse davvero visto con i suoi occhi l’intero regno di Angria, che geograficamente, nella sua fantasia e in quella del fratello, era situato in Africa. Posti che, nell’isolamento della canonica, ha conosciuto solo attraverso la lettura.
Gli stessi personaggi sono ben caratterizzati, ognuno ha una sua psicologia che ci fa capire il precoce spirito d’introspezione che la giovane Charlotte possedeva e riversava nel suo mondo immaginario, su carta. La sua abilità nel sondare le passioni umane è già abbozzata distintamente in questi juvenilia.

I sei racconti, tutti arguti e caratterizzati da dialoghi abbastanza vivaci, come si può ben immaginare, sono tra loro concatenati: personaggi presenti in uno riappaiono poi nelle vicende di un altro, proprio come se fossero capitoli che vanno a comporre un unico grande romanzo scritto in un arco di tempo molto ampio. Le varie vicende ruotano attorno al bellissimo e temuto Zamorna,  il Re di Angria, uomo carismatico ed eroe, nella saga, di Charlotte. Il suo nemico, di cui in seguito diviene il genero, è il conte Northangerland, eroe preferito da Branwell. I due sono le massime autorità del regno intono ai quali tutti gli altri si muovono come comparse. A narrare le vicende è Charles Wellesley, fratello minore di Zamorna, che tollerando poco l’illustre e altezzoso parente, si diverte a tratteggiarne la figura prepotente, che riesce sempre a cavarsela, in amore grazie alla sua capacità di ammaliare le donne, e in politica grazie alla retorica sempre persuasiva. 
Gli intrecci sono ben costruiti, il colpo di scena non è mai scontato. 


Sapendo già che parte del pubblico che leggerà questa recensione sono ragazze e donne che Charlotte Brontë la amano e la stimano per Jane Eyre (le più appassionate anche per Villette e Shirley), ci tengo a dare un piccolo e disinteressato parere sulle figure femminili presenti in questi racconti.
Escluse alcune figure marginali, le donne presenti nei racconti sono due: Mary Henrietta Percy, figlia di Northangerland e terza moglie di Zamorna, e Mina Laury, amante e quindi mantenuta del Re. La prima, innamoratissima del marito che sempre l’abbandona e che sembra divertirsi a lasciarla preda delle sue angosce, è una creatura delicata, elegante, resa insicura da lui: non possiede i tratti della tipica eroina brontëana. La seconda, Mina, seppur in una condizione di condanna e di pregiudizio da parte della società per il ruolo che ricopre e che ella stessa accetta (vive rilegata in una villa al margine di Angria, dove solo raramente riceve le visite del suo amante-padrone), è altrettanto innamorata del medesimo uomo e con obbedienza stoica e spirito di sottomissione, è la donna che davvero riesce a tenere in scacco l’indomito Zamorna. Mina Laury è forse la prima figura femminile che contiene quel germe che anni dopo ha dato forma e fama a Jane Eyre e a Lucy Snowe: lo spirito di abnegazione nonostante i sentimenti del proprio cuore.

I racconti che più ho gradito sono stati Albione e Marina per la poeticità, Alta Società per il colpo di scena finale e Mina Laury per l’intensità della narrazione. Quello che mi è piaciuto meno è stato proprio il racconto che dà il titolo alla raccolta. 
In conclusione desidero ringraziare la prof.ssa Maddalena De Leo, per avermi dato l’opportunità di leggere queste perle per me preziosissime e di poter vantare oggi nel mio angolo Brontë, in libreria, un lavoro di traduzione certosino, scorrevole e appassionato.  

Antonella Iuliano

mercoledì 10 giugno 2015

'Come petali sulla neve' ONLINE in ebook!


COLLANA: Narrativa
GENERE: Contemporaneo, Drammatico
PREZZO: € 3,99
PAGINE: 200
ANNO: 2015, 10 Giugno
ISBN Kindle: 978-88-98769-77-3
ISBN ePub: 978-88-98769-78-0

Le piattaforme su cui è possibile acquistare 'Come petali sulla neve'.


Come petali sulla neve
  recisi dallo stesso fiore,
  sospinti da un impetuoso vento
  in remoti luoghi,
  ad appassir lontani.
Il giorno in cui scrive questi versi, Philip Shannon sente di aver perso le poche certezze racimolate nella sua vita apolide. È seduto dietro una finestra con il cuore affranto e lo sguardo fisso sull’ultima neve di marzo.
La sua storia è iniziata soltanto pochi mesi prima, dietro un altro vetro, freddo e umido, a migliaia di chilometri di distanza. Una pioggia insistente, quel giorno, sferzava le strade dove raramente si era avventurato nei suoi lunghi anni trascorsi all’Istituto per orfanelli S. Vincent, in Irlanda del Nord.
La sua esistenza è una landa desolata dove la neve si è posata così a lungo e il freddo è tale da cristallizzare il passato, come nella fotografia che ha accidentalmente ritrovato nell’archivio dell’Istituto: l’immagine di due bambini troppo simili, e la certezza che uno dei due sia proprio lui, è tutto ciò che ha. Oltre il vetro e la pioggia, esiste qualcuno che è parte della famiglia che non ha mai avuto; qualcuno con il suo stesso aspetto; qualcuno a cui lui appartiene e che gli appartiene.  
Un viaggio a ritroso, tra molte ombre e pochissime luci, sembra destinato a concludersi in un vicolo cieco, ma la sensazione che qualcuno abbia voluto chiudere a doppia mandata ogni uscio che si affacci sulla verità è più forte.
Adesso Philip è in Inghilterra, dove l’hanno condotto i pochi indizi in suo possesso; ha nuovi amici ma anche più grandi amarezze, perché nulla è andato come si augurava.
Una resa può essere la migliore delle soluzioni se si tenta di scalare un muro inespugnabile di menzogne e si è costretti a farlo a mani nude, questo Philip lo sa bene il giorno in cui paragona la propria vita e quella del suo gemello ai petali di un fiore disfatto dall’impeto di una tormenta avvenuta oltre vent’anni prima e destinati forse a perdersi per sempre.
Un amore malato e un nuovo inverno, porteranno le risposte.


Writing with Genesis Publishing: "COME PETALI SULLA NEVE"' ONLINE!

"Come petali sulla neve " di Antonella Iuliano è online!  Potete trovare la SCHEDA completa presso il nostro SITO ed acquistare l'ebook sulle piattaforme
da noi attualmente in uso direttamente dal sito ufficiale.


Presentazione su  The bibliophile girl 
Presentazione su Insaziabili letture
Presentazione su Regin La Radiosa

martedì 9 giugno 2015

The bookish teapot: Segnalazione: "Come petali sulla neve" di Antonella Iuliano

The bookish teapot: Segnalazione: "Come petali sulla neve" di Antonell...: Titolo: Come petali sulla neve Autore: Antonella Iuiano Editore: Genesis Publishing Pagine: 200 Prezzo: 3,99€ ebook Data di uscita: 10 giugno 2015

Come petali sulla neve su aNobii, il social dei libri

Cari lettori, 
vi informo che il mio romanzo Come petali sulla neve, ha da stamane una nuova scheda su aNobii, il social network dei libri. Cosa aspettate ad aggiungerlo alla vostra lista desideri o sulle vostre librerie virtuali? 
Lo trovate Qui

Un buon libro non finisce mai.: Anteprima: Come petali sulla neve di Antonella Iuliano

Un buon libro non finisce mai.: Anteprima: Come petali sulla neve di Antonella Iul...: Cari miei lettori, tenetevi pronti per questa nuova uscita! Esce domani, 10 Giugno, il romanzo Come petali sulla neve dell'autrice emergente Antonella Iuliano.
Dell'autrice avevo già letto in precedenza un altro suo "capolavoro" (mi piace definirlo così): Charlotte, potrete leggere la mia recensione qui.

Un libro che saprà conquistarvi, dallo stile e dal gusto classico. Per tutti gli amanti delle letture sentimentali e drammatiche.


lunedì 8 giugno 2015

Come petali sulla neve - Cosa dice l'Editore


"Un romanzo contemporaneo e di formazione. Come petali sulla neve parla di amore, disillusione, affetto, incredulità. Due gemelli divisi alla nascita si trovano al centro di una storia travagliata, ma al tempo stesso intrigante. Dovranno investigare su un sottile quanto arcano mistero, appartenente al loro passato. È lì sotto i loro occhi ed attende solo di essere svelato. Sullo sfondo di una gelida cittadina inglese, Philip e Leonardo tenteranno di trovare la propria identità, cercando di rintracciare il bandolo di una matassa intricata nel quale si è trasformata la loro vita. Leggerete di dissidi interiori, di affetti assoluti, di amicizia senza condizioni, di follie insensate; eppure ne resterete folgorati. Dedicato agli amanti delle storie che raccontano di vita quotidiana e di emozioni forti."


Come petali sulla neve - uscita 10 Giugno 2015





mercoledì 3 giugno 2015

Walk in Wonderland: Anteprima: Come petali sulla neve - Antonella Iuliano

Walk in Wonderland: Anteprima: Come petali sulla neve - Antonella Iuli...: COLLANA: Narrativa GENERE:Contemporaneo, Drammatico PREZZO: € 3,99 PAGINE: 200 ANNO: 2015, 10 Giugno ...


Little Mouse Bookclub: NOVITÀ: "Come petali sulla neve"

Little Mouse Bookclub: NOVITÀ: "Come petali sulla neve" di Antonella Iuli...: Titolo:  Come petali sulla neve Autore:  Antonella Iuliano Editore:  Genesis Publishing Genere:  Narrativa contemporanea  ...


Libropatia: Come petali sulla neve- Antonella Iuliano

Libropatia: Come petali sulla neve- Antonella Iuliano: Titolo: Come petali sulla neve Autore: Antonella Iuliano Editore: Genesis Publishing Pagine: 200 Genere: Contemporaneo, Drammatico...

Parliamo di libri: Segnalazione Genesis Publishing: Come petali sulla neve

Parliamo di libri: Segnalazione Genesis Publishing: Come petali sulla...:   Oggi vi vogliamo informare sulla pubblicazione del romanzo contemporaneo scritto dalla scrittrice emergente Antonella Iuliano, della...


Libro Fatato: Novità Genesis Publishing "Come petali sulla neve"...

Libro Fatato: Novità Genesis Publishing "Come petali sulla neve"...: COLLANA:  Narrativa GENERE:  Contemporaneo, Drammatico PREZZO:  € 3,99 PAGINE:  200 ANNO:  2015, 10 Giugno 2015.

Appunti di una viaggiatrice: Come petali sulla neve di Antonella Iuliano

Appunti di una viaggiatrice: Come petali sulla neve di Antonella Iuliano (Genes...: Il 10 Giugno 2015 esce per la collana "Narrativa" il nuovo romanzo contemporaneo scritto dalla scrittrice emergente Antonella Iuliano...

Il Colore dei Libri: Anteprima: Come petali sulla neve

Il Colore dei Libri: Anteprima: Come petali sulla neve di Antonella Iu...: Prezzo: € 3,99 Pagine: 200 Editore: Genesis Publishing Data Pubblicazione: 10 Giugno TRAMA "Come petali sulla neve ...



L'essenziale è invisibile agli occhi: Presentazione: Come petali sulla neve

L'essenziale è invisibile agli occhi: Presentazione: Come petali sulla neve di Antonella...: Collana : Narrativa Genere : Contemporaneo, Drammatico Prezzo : € 3,99 Pagine : 200 Uscita : 10 Giugno 2015



martedì 2 giugno 2015